La presenza è un togliersi
La presenza è assoluta in quanto presenza del nulla
La presenza è assurdità e chiarezza
La negazione e l'assurdo creano infinita e inverosimile
purezza e luminosità della presenza
Il mistero infinito del togliersi come pura presenza
Sacra la grande unica Origine: il presente
Sacralità e trascendenza infinita del presente
Il nostro essere è il suo estinguersi
l'estinguersi assoluto, perciò noi
siamo altro, infinitamente altro
L'assoluto non può nè vivere nè morire senza di noi
e noi non vivremmo e non moriremmo se non fossimo assoluti, 
se non fossimo divini
La morte è un privilegio della divinità, che essa 
con l'incarnazione ha trasmesso
a tutto ciò che vive.
Il paradiso perduto è il paradiso che stiamo continuamente perdendo
e che nella memoria è conservato come perduto
paradosso della memoria
Soltanto il nulla è uno scopo
la salvezza è la meditazione del nulla
il battesimo nel nulla è la parte della vita eterna
il battesimo nel nulla è l'unica consacrazione della vita
Scendiamo nel nulla, ci ribattezziamo nel nulla
nel nulla ritroviamo l'assoluto che sempre perdiamo 
quando il nulla viene dimenticato.

 

Da "Il Dio Negativo" di Andrea Emo

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Annalisa Alessandrini